Home Nozioni Base Conosiamo MM System Modello Operativo, Modello di Riferimento e Modello Medio

Cos’è un Modello Operativo in MM System

MM System usa il Modello Operativo (o Modello) per determinare i valori della tabella Proiezione Ciclica e stabilire gli obiettivi ricorrenti.

Modello MM System - EasyGain

Un Modello Operativo è composto dai parametri Eventi Totali, Eventi Attesi e Payout. Ogni Modello Operativo è unico e offre in risposta una determinata Percentuale di Profitto. Cambiando anche uno solo dei suoi tre parametri, cambia il Modello Operativo e ne risulta una diversa Percentuale di Profitto. Prima di tutto vediamo come fare riferimento ad un Modello Operativo.

Come riferirsi ad un Modello Operativo

Se volessimo parlare del Modello Operativo con cui ci stiamo trovando particolarmente bene alla Community del Forum di EasyGain, basterebbe riferirci ad esso indicandone i valori che lo caratterizzano. Come accennato il Modello Operativo si compone di Eventi Totali, Eventi Attesi, e Payout. Proprio per questo motivo, per richiamare il Modello che ha 14 Eventi Totali, 5 Eventi Attesi e Payout Medio 1,85, è sufficiente dire il Modello Operativo “14/5 85“, che si pronuncia “14 5 85(quattordici cinque ottantacinque).

Esempio

Il Modello 14/5 85 offre una Percentuale di Profitto pari al 5,22% della cassa.

 


Perché il Modello Operativo è così importante

Il Modello Operativo è fondamentale per diverse ragioni. Come accennato prima, è il Modello Operativo a determinare il valore della Percentuale di Profitto di un’intera Proiezione. Questa, a sua volta, determina i valori degli Obiettivi Ciclici a cui ambiamo durante lo sviluppo di ogni singola Progressione. Possiamo dire infatti che tutti i valori corrispondenti al campo Rendimento Ciclo e Cassa Stimata dei vari Cicli, non sono altro che i valori del ciclo precedente sommati al valore della Percentuale di Profitto.

Il Modello Operativo determina quindi il grado di avanzamento della nostra Proiezione e stabilisce il livello di pericolosità della stessa. Un Modello Operativo molto profittevole porterebbe ad una Proiezione estremamente pericolosa. Per rendere chiara la lettura di questi indici ed evitare di usare Modelli pericolosi, in MM System è stato implementato un segnalatore che appare subito dopo aver elaborato la propria Proiezione Ciclica. Questo avverte l’utente del grado di pericolosità della propria Proiezione attraverso delle bandierine colorate.

 


Il Modello Medio

C’è un altro aspetto che rende centrale l’importanza del Modello. Pur non considerando la cosa, durante ogni sessione operativa usiamo diversi Modelli Operativi anche all’interno della stessa Progressione.

Infatti, per ogni Progressione ci sono vari Eventi e ognuno di questi è caratterizzato dal proprio payout. Come sappiamo, cambiando anche uno solo dei parametri di un Modello Operativo, stiamo cambiando Modello. Per questo in una Progressione esistono tanti Modelli quanti sono i diversi valori di payout presenti al suo interno. La media di questi valori corrisponde al Modello Medio.

Diversi Payout MM System - EasyGain
Esempio di Progressione chiusa al 6° Evento caratterizzata da 5 Modelli diversi.

Ad esempio, il Modello Medio della figura qui in alto è uguale a un14/5 87 dove 87 sta per 1,87, ovvero il valore medio di Payout della Progressione.

 


Il Modello di Riferimento

Il Money Management di MM System, a differenza di qualsiasi altro MM , cerca sempre di attribuire maggior importanza al Modello di Elaborazione del Ciclo più che ai singoli Modelli di ogni Evento, risultando più affidabile di altri MM, soprattutto riguardo la capacità di raggiungere i target fissati nei campi Cassa Stimata in fase di Elaborazione. Questo prende il nome di Modello di Riferimento e può essere modificato solo ad inizio di ogni Progressione.

I Payout di ogni singolo Evento dovrebbero sempre avere un valore il più possibile vicino al Payout del Modello di Riferimento. In altre parole, se in fase di elaborazione scegliessimo un Payout Medio di 1,85, il Payout di ogni Evento dovrebbe avvicinarsi a questo valore. Questo per un motivo logico. Altrimenti rischieremmo di erodere più Cassa di quella necessaria per chiudere la Progressione in positivo nel caso in cui ci servissero tutti gli Eventi Totali disponibili.

Esempio

Ipotizziamo di dover iniziare la nostra prima Progressione.  Dopo aver indicato la Cassa con cui vogliamo iniziare, è il momento di scegliere quale Modello di Riferimento usare. Optiamo per un 14/5 85. Questo offre in risposta una Percentuale di Profitto pari al 5,22% della Cassa Iniziale. A questo punto abbiamo fissato il nostro target sulla Percentuale di Profitto appena indicata.

Non rimane che sviluppare la Progressione appena elaborata, Evento dopo Evento.

Durante lo sviluppo della Progressione, i Payout dei singoli Eventi non superano il valore medio di 1,71. Potremmo dire che i singoli Modelli usati nei vari Eventi offrano le stesse potenzialità di una Progressione con Modello 14/5 71, quindi una Percentuale di Profitto del 2,39%.

In buona sostanza stiamo mirando ad ottenere un 5,22% di Profitto con le potenzialità di una Progressione il cui Modello Medio offre un 2,39%, ovvero meno della metà stimata.
Questo fa si che MM System attinga alla Cassa Iniziale in misura più consistente, rischiando di erodere più Capitale di quanto ne fosse stato preventivato in fase di Elaborazione.

Inizialmente, qualora una serie simile fosse fortunata e si riusciva a chiudere la Progressione prima dei 14 Eventi Totali disponibili, non ci sarebbero stati problemi ad ottenere il nostro 5,22% (Esempio 1), ottenendo proprio il risultato sperato. Ma se ci fossimo trovati a dover usare tutti e 14 gli Eventi a nostra disposizione, avremmo rischiato di perdere Capitale e chiudere in negativo anche nel caso in cui fossimo riusciti ad ottenere i nostri 5 Eventi Attesi al termine della Progressione (Esempio 2).

Inoltre questo “attingere alla Cassa” in misura consistente in ogni evento, in talune situazioni portava ad erodere il 100% del capitale disponibile anche nel corso della progressione, a volte persino a distanza di 5 eventi dal termine.

Per evitare questo nella versione 1.0 è stato modificato l’algoritmo di calcolo di modo da proporzionare il valore di Cassa Stimata (e quindi del target da raggiungere) evento dopo evento. Questo ha di fatto reso l’algoritmo di calcolo di MM System molto più vicino all’algoritmo di riferimento (quello usato dal Masaniello) di quanto non lo fosse prima, ma con alcune differenze che ancora lo caratterizzano in favore delle logiche secondo cui è stato studiato.

Infatti quello di MM System riesce ancora a perseguire i target di cassa Stimata meglio di altri algoritmi basati sul calcolo della distribuzione binomiale.

Il Modello Medio deve quindi avvicinarsi al Modello di Riferimento. Se il Modello di Riferimento non è più attuale, MM System offre sempre la possibilità di modificarlo ad inizio Progressione

 


Come cambiare Modello di Riferimento

Durante il corso di una Proiezione Ciclica, dopo aver terminato una Progressione, potremmo dover cambiare il nostro Modello di Riferimento. Questo accade quando il Modello Operativo in uso ha un numero di Eventi Totali o di Eventi Attesi ormai distante da quanto desiderato per il seguito della nostra Proiezione oppure quando ci rendiamo conto che il Modello Medio degli Eventi discosta parecchio dal Modello di Riferimento con cui abbiamo fissato i nostri Target. Cambiando il Modello di Riferimento si va a rielaborare la Percentuale di Profitto Ciclica, fatto che avrà impatto su ogni Progressione che segue.

MM System offre sempre la possibilità di cambiare i valori del campi Modello di Riferimento all’inizio di ogni Progressione. Per Modificare il Modello di Riferimento delle Progressioni che verranno è sufficiente selezionare un nuovo Ciclo nella tabella Proiezione Ciclica, così da aprirne la Progressione (Img. 1).

A questo punto dobbiamo cliccare sul Pulsante “Modifica Modello” presente nella Pulsantiera Principale dell”Area delle Funzioni (Img. 2).

Questo pulsante permette di cambiare il Modello di Riferimento per le nostre Proiezioni, permettendo di ridefinire i Target Ciclici. A questo punto possiamo determinare tutti i nuovi parametri per il nostro Modello di Riferimento per renderlo conforme alle nuove esigenze (Img. 3).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *